Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2019

Questo vino ha attraenti aromi di susine selvatiche, rovi e fiori bianchi. Al palato mostra note di ciliegia rossa e nera, abbinate ad una speziatura e mineralità di fondo. Il vino è austero ed etereo in gioventù, con una elevata acidità e un profilo tannico fine e polveroso. È complesso e con l’affinamento in bottiglia esprimerà veramente la sua natura e provenienza

Questo vino è ottenuto da uve Nerello Mascalese da agricoltura biologica raccolte a mano da vecchie viti ad alberello (80–110 anni) situate alle pendici settentrionali dell’Etna, in Sicilia. Nel 2019 le uve provenivano dal vigneto “Don Alfio” in contrada Filici e da tre piccoli vigneti in contrada Montelaguardia (780 – 800 metri slm), nei pressi del comune di Randazzo. Piccole quantità di Nerello Cappuccio e Alicante (Grenache) sono co-piantate in questi antichi vigneti come da tradizione, e fanno parte dell’uvaggio di campo. I terreni vulcanici sono basaltici di colore bruno scuro, friabili e sabbiosi nella Vigna Don Alfio; più pietrosi invece in contrada Montelaguardia.

Per saperne di più

Nel 2019 la vendemmia è avvenuta il 5/6 ottobre in contrada Montelaguardia e il 15 dello stesso mese in Vigna “Don Alfio”. Tutte le uve sono state diraspate a mano in due qvevris georgiane (vasi di argilla) che sono sepolti nella cantina sotterranea della tenuta. La fermentazione è stata condotta da lieviti indigeni. Al termine, le qvevris sono state sigillate e le uve sono state lasciate macerare per un lungo periodo di tempo; 6 settimane. Una volta pigiato e assemblato, il vino nuovo è rimasto sulle fecce fini in una qvevri prima di maturare per 6 mesi in una vecchia botte di legno. Il vino è stato imbottigliato a settembre 2020 senza chiarifica né filtrazione..

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2017

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2017

Organically grown Nerello Mascalese grapes were hand harvested from old bush vines (60 – 100 years old) located on the northern slopes of Mt Etna, Sicily. Altitudes of the vineyards vary from 800-950 metres above sea level, with the soils being mineral rich, decomposed lava. Small quantities of Nerello Cappuccio and Alicante (Grenache) were included in the field blend. Harvest took place during the middle of October in 2017.

Read more

The grapes were destemmed by hand into several Georgian qvevris (clay vessels) ranging from 800 -1500 litres capacity. The qvevris were handmade in western Georgia by artisan Zaalido Bozhadze, who sourced the clay high in the Caucasus Mountains. The qvevris were buried in the underground wine cellar of “Vino di Anna” in 2014 where they remain permanently.

Fermentation was conducted by indigenous yeasts. Upon completion, the qvevris were sealed and the grapes and new wine were left to macerate for an extended period of time; 2-4 months. The macerated grapes were then pressed and combined with the new wine into a single qvevri before a passage of 6 months in an old wooden cask. The wine was bottled in September 2018. It was neither fined nor filtered and SO2 was not used.

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2016

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2016

Old bush vines (60 – 100 years old) of organically grown Nerello Mascalese were hand harvested from vineyards located at high (800-950 metres altitude) on the northern face of Mt Etna, Sicily. Small quantities of Nerello Cappuccio and Alicante (Grenache) were present in the field blend. The grapes were destemmed by hand into several Georgian qvevris ranging from 1500 litres to 800 litres which have been buried underground in our cellar near Solicchiata.

Read more
These qvevri were handmade by Zaliko Bozhadze, near the village of Maqatubani, in Imereti, two hours west of Tbilsi, Georgia. The clay has been carefully sourced high in the Causcasus Mountains. Fermentation was conducted by indigenous yeasts. Upon completion the qvevris were sealed and the grapes and new wine were left to macerate for an extended period of time, (2-4 months). After the maceration period, the new wine and its pressings were blended and returned to a single qvevri until bottling in September 2017. The wine was not fined or filtered and saw no SO2 additions

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2015

Vino di Anna “Qvevri Rosso” 2015

Organically grown Nerello Mascalese grapes, from 60 – 100 year old bush vines, located at altitudes of 800-900 metres, on the northern face of Mt Etna were hand harvested along with small quantities of Nerello Cappuccio and Alicante (5% total). The grapes were destemmed by hand into several Georgian qvevris which have been buried underground. Fermentation was conducted by indigenous yeasts. Upon completion the qvevris were closed and left to macerate for different lengths of time depending on the rate of tannin extraction and the quality of the grape skins. On average the time on skins was two months. After the maceration period, the new wine from the three qvevris and their pressings were blended and returned to one large qvevri, until bottling in May 2016. The wine was bottled without fining or filtration.

Floral and expressive, this wine smells of red fruits, particularly morello cherries coupled with dry flowers. The palate is soft and silky, with a taut acidity and fine, textural tannins. The wine is flavoursome with an underlying minerality typical of the volcanic soils of Mt Etna.

 

 

 

 

 

 

Vino di Anna Rosso “Qvevri” 2013

Vino di Anna Rosso “Qvevri” 2013

Our second Qvevri wine made in a 2,000 litre Georgian Qvevri. Nerello Mascalese was hand harvested from our “Don Alfio” vineyard located at 900 metres above Rovitello. The fruit was 100% de-stemmed by hand into the Qvevri. Alcoholic fermentation lasted just over two weeks followed by malolactic fermentation. The Qvevri was then closed and the grapes were left to macerate until April 2014. The resultant wine was pressed and put in an old oak cask until bottling in September 2014. No SO2 was added. The wine was neither fined nor filtered prior to bottling.

Floral and expressive in the nose, this wine has a fine, textural structure. Morello cherries are coupled with cherry blossom. The palate is taut, complex and long.

Vino Di Anna labels-qvevri

 

 

 

Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Vino di Anna Qvevri “Don Alfio” 2020

Questo vino ha piacevoli aromi di ciliegia scura e frutta secca con note floreali. Al palato è speziato, con liquirizia, cioccolato e sfumature salate. Ha una solida spina dorsale acida che è bilanciata da una profondità di sapore e tannini ben strutturati. Nella sua giovinezza, questi tannini sono avvolgenti e austeri, con il tempo si ammorbidiranno e si integreranno, diventando di natura eterea..

Il sesto vino ottenuto dalla nostra vigna, coltivata in maniera biodinamica, “Don Alfio”. Questo centenario ed isolato vigneto si trova non lontano dalla colata lavica (sciara) risalente al 1983 a 900 metri di altitudine, sopra il paese di Rovitello, in contrada Piano Filici. Il terreno è fine, composto da basalto nero, ricco di minerali. La vigna è largamente piantata a Nerello Mascalese (96%), insieme ad una piccola percentuale di Nerello Cappuccio. Le viti sono circondate da alberi di ulivo, ciliegio e nocciole oltre a un’abbondante biodiversità vegetativa e di fiori selvatici.

Per saperne di più

Nel 2020 le uve sono state vendemmiate il 16 ottobre. Le stesse sono state tutte diraspate a mano e depositate all’interno di una qvevri georgiana della capacità di 1000lt e che si trova nella sala sotterranea dove è ubicata la cantina, vicino al paese di Solicchiata. La fermentazione alcolica condotta dai lieviti indigeni, è avvenuta spontaneamente. Al completamento, la qvevri è stata chiusa e sigillata lasciando che la macerazione avvenisse sulle bucce per un mese. Trascorso questo tempo il nuovo vino è stato pressato ed è rimesso all’interno di una qvevri per affinare sulle fecce fini. Alla fine è stato imbottigliato senza chiarifica né filtrazione.

Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Vino di Anna Qvevri “Don Alfio” 2018

This wine has attractive aromas of dark cherries and dried fruit with floral notes. The palate is spicy, with liquorice, chocolate and savoury undertones. It has a firm acid backbone which is balanced by a depth of flavour and well-structured tannins. In its youth, these tannins are mouth-filling and austere, with time, they will soften and integrate, becoming ethereal in nature.

The fifth qvevri wine to be released from our bio-dynamically farmed “Don Alfio” vineyard which is located at 900 metres above the village of Rovitello in the contrada Piano Filici. 90 – 100+ year old bush vines of Nerello Mascalese were hand harvested in the middle of October from this isolated 0.6 ha plot. There is also a small percentage of Nerello Cappuccio in the vineyard. 100% of the grapes were de-stemmed by hand into a 1000 litre Georgian qvevri which is buried in the underground cellar at the winery, near Solicchiata.

Read more

Alcoholic fermentation was spontaneously conducted by indigenous yeasts. Upon completion, the qvevri was closed and allowed to macerate for one month on skins. The new wine was then pressed and returned to a qvevri for ageing on fine lees, prior to bottling in September 2019 without fining or filtration.

Vino di Anna Qvevri “Don Alfio” 2016

Vino di Anna Qvevri “Don Alfio” 2016

The fourth qvevri wine to be released from our bio-dynamically farmed “Don Alfio” vineyard which is located at 900 metres above the village of Rovitello. 90 – 100+ year old bush vines of Nerello Mascalese were hand harvested in the middle of October from this isolated 0.6 hectare plot. The grapes were 100% de-stemmed by hand into a 1500 litre Georgian qvevri which is buried in our underground cellar. Alcoholic fermentation was conducted by indigenous yeasts. Upon completion the qvevri was closed and allowed to macerate for 4 months on skins.

Read more
It was then pressed and the wine returned to a smaller qvevri for another winter. It was bottled in May 2018 being neither fined nor filtered.

This wine has attractive aromas of dark cherries and dried fruit with floral notes. The palate is spicy, with liquorice, chocolate and savoury undertones. It has a firm acid backbone which is balanced by a depth of flavour and well-structured tannins. In its youth, these tannins are mouthfiling and austere, with time, they soften and integrate and become ethereal in nature.

The Vino di Anna “Qvevri” wines are fermented and macerated in Georgian qvevris that were handmade by one of the few remaining artisan qvevri makers, Zaaliko Bodjadze. His workshop is near Makatubani, about two hours west of Tbilisi, Georgia. Zaaliko and his sons source the pure clay high in the Caucasus Mountains, moulding the pots by hand and lining them with bees wax. Eight qvevris were received at “Vino di Anna” in 2013 and were buried in an underground cellar constructed at the back of the winery.

Qvevri “Don Alfio” 2014

Qvevri “Don Alfio” 2014

The third qvevri wine to be made from the “Don Alfio” vineyard situated at 900 metres above the village of Rovitello. Nerello Mascalese was hand harvested from this 0.6 hectare vineyard. The grapes were 100% de-stemmed by hand into the qvevri. Alcoholic fermentation was conducted by indigenous yeasts. The qvevri was then closed and allowed to macerate for nearly 5 months. It was pressed and returned to qvevri until bottling in September 2015. The wine was neither fined nor filtered.

Displaying aromas of dark cherries and forest fruit with some savoury undertones, this well-structured wine is complex with a firm acidity and fine, austere tannins.

Vino Di Anna Qvevri

 

 

 

 

 

Vino di Anna Q1000 “Tartaraci” 2016

Vino di Anna Q1000 “Tartaraci” 2022

Di un vibrante rosso cremisi questo vino si presenta con note olfattive di prugne rosse, ciliegie e mirtilli. Al palato ha una buona tensione sorretta da mineralità` e austerità, i tannini sono eterei..

Q1000 ‘’Tartaraci’’ e`stato prodotto per la prima volta nel 2016, da allora, fenomeni di grandine isolati e condizioni non ideali di maturazione delle uve non ci hanno permesso di produrre questo elegante vino Rosso da questo vigneto estremo posto a 1000 mt slm. Finalmente nel 2022, una piccola quantità di uva Nerello Mascalese e Grenache sana e matura, coltivata in maniera biologica, e`stata raccolta a mano da piante di 70-80 anni di età. Le uve sono state trasportate nella cantina di Solicchiata, diraspate e fermentate nelle Qvevri da 1200 L sotterrate in cantina. La fermentazione alcolica è stata spontanea con lieviti indigeni.

Per saperne di più
A fine fermentazione la Qvevri è stata chiusa e il vino giovane e`stato lasciato a macerare per un mese sulle bucce, durante il quale ha svolto la fermentazione malolattica. Dopo un mese le uve sono state pressate delicatamente e il vino mandato in botti di castagno esausto ad affinare sulle fecce fini fino all’imbottigliamento avvenuto a Giugno 2024 senza chiarifica o filtrazione.
Il vino di Anna ‘’Qvevri’’ non viene prodotto tutti gli anni. Le uve devono essere in condizioni perfette e devono avere un buon grado di complessità e gusto per garantire questo tipo di vinificazione. Le Qvevri sono state realizzate a mano da Zaaliko Bodjadze nel suo laboratorio a 2 ore a ovest di Tbilisi. Zaaliko e`uno degli ultimi artigiani capaci di realizzarle e i suoi figli lo aiutano raccogliendo l’argilla pura dalle alte montagne del Caucaso. Vino di Anna possiede 9 Qvevri di varia misura sotterrate nella cantina.

Vino di Anna Q1000 “Tartaraci” 2016

Vino di Anna Q1000 “Tartaraci” 2016

Rosso cremisi vivace con riflessi violacei, questo vino ha aromi attraenti di mirtilli rossi e mirtilli. La piccante acidità è bilanciata da frutta succosa e tannini fini e austeri.

Il vino “Tartaraci” Q1000 è ottenuto da uve da agricoltura biologica raccolte a mano da un unico vigneto situato in contrada “Tartaraci”. Questa contrada si trova al di sopra della strada denominata Quota Mille che circumnaviga l’Etna, sul versante nord, nei pressi del paese di Maletto.

Per saperne di più
Le viti ad alberello hanno 70 anni e sono Nerello Mascalese e Alicante (Grenache), le uve sono state raccolte il 19 ottobre 2016 e diraspate a mano al 100% in un qvevri da 1.200 litri interrato. La fermentazione è stata svolta spontaneamente da lieviti indigeni. Al termine il qvevri è stato chiuso e la macerazione sulle bucce è proseguita per due mesi. Successivamente è avvenuta la pigiatura ed il vino è stato spostato in un qvevri più piccolo rimanendo in cantina sulle fecce fini fino all’imbottigliamento, avvenuto a settembre 2018 senza chiarifica o filtrazione.
I vini Vino di Anna “Qvevri” vengono fatti fermentare e macerare in qvevri georgiane realizzati a mano da uno dei pochi produttori artigianali di qvevri rimasti, Zaaliko Bodjadze. Il suo laboratorio si trova vicino a Makatubani, a circa due ore a ovest di Tbilisi, in Georgia. Zaaliko ed i suoi figli si procurano l’argilla pura in alto nelle montagne del Caucaso, modellando i vasi a mano e foderandoli con cera d’api. Otto qvevri sono stati ricevuti al “Vino di Anna” nel 2013 e sono stati interrati in una cantina sotterranea costruita sul retro della cantina.

Q1000 “Tataraci” 2014

Q1000 “Tataraci” 2014

The Q1000 “Tataraci” wine is made from a single, individual vineyard located in the contrada “Tataraci” at 1000 metres above the town of Randazzo. Old bush vines of Nerello Mascalese and Alicante (Grenache) were hand harvested and destemmed into a 1000 litre qvevri. Fermentation was by indigenous yeasts. The qvevri was closed and macerated for 4 months. It was then pressed and placed in a smaller qvevri until bottling in September 2015 without fining or filtering.

A distinct purple colour, this wines smells and tastes of blueberries and red currants. It has mouth-watering acidity, a juicy structure and fine, feminine tannins.

Vino Di Anna Qvevri

 

 

 

 

Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Vino di Anna Qvevri Rosso “R” (Rampante) 2022

Cremisi vibrante con tonalità viola, questo vino ha aromi e sapori attraenti di prugne e ciliegie mature con sfumature floreali. Al palato è complesso, mostrando una

Nel 2015, Anna ed Eric hanno acquistato una proprietà di 1,5 ettari in Contrade Rampante, sopra il paese di Passopisciaro, e appena sotto la strada di Quota Mille, sulla parete nord dell’Etna. Metà della proprietà era costituita da viti ad alberello di Nerello Mascalese di 80-100 anni con una spolverata di Nerello Cappuccio. Il resto dei terrazzi erano piantumati con ulivi secolari, alberi da frutto (meli, peri, albicocchi) o ricoperti di ginestre e more. La coppia ha coltivato il vigneto in modo biodinamico per 8 anni per riportarlo in piena salute e vitalità. La biodiversità dei dintorni ha contribuito a creare un ambiente che ha favorito la crescita di fiori di campo, microbi del suolo, api e insetti in tutta la proprietà.

Per saperne di più

Nel 2022 le uve sono state raccolte a mano il 5 ottobre. Sono stati diraspati a mano in un qvevri georgiano (recipienti di argilla) da 12hl sepolto nella cantina di Solicchiata. La fermentazione alcolica è stata condotta da lieviti indigeni senza controllo della temperatura. Al termine, il qvevri è stato sigillato e le bucce e il vino nuovo sono stati lasciati a macerare per quattro settimane, durante le quali è stata effettuata la fermentazione malolattica. Dopo la pressatura, il vino ha trascorso due inverni in botti di castagno su fecce fini, prima di essere imbottigliato nel febbraio 2024. Il vino non è stato né chiarificato né filtrato.
I vini Vino di Anna “Qvevri” non vengono prodotti tutti gli anni. Le uve devono essere in perfetta salute e avere profondità di sapore e complessità per garantire questo tipo di vinificazione. I qvevri sono stati realizzati a mano da uno dei pochi artigiani produttori di qvevri rimasti, Zaaliko Bodjadze, nel suo laboratorio a circa due ore a ovest di Tbilisi, in Georgia. Zaaliko e i suoi figli si procurano l’argilla pura nelle montagne del Caucaso, modellando i vasi a mano. Vino di Anna ha nove qvevri sepolti nella propria cantina di varie dimensioni.

Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Vino di Anna Qvevri Rosso “Rampante” 2019

Questo vino ha attraenti aromi di susine selvatiche, rovi e fiori bianchi. Al palato mostra note di ciliegia rossa e nera, abbinate ad una speziatura e mineralità di fondo. Il vino è austero ed etereo in gioventù, con una elevata acidità e un profilo tannico fine e polveroso. È complesso e con l’affinamento in bottiglia esprimerà veramente la sua natura e provenienza..

Questo vino è ottenuto da uve Nerello Mascalese da agricoltura biologica raccolte a mano da vecchie viti ad alberello (80–110 anni) situate alle pendici settentrionali dell’Etna, in Sicilia. Nel 2019 le uve provenivano dal vigneto “Don Alfio” in contrada Filici e da tre piccoli vigneti in contrada Montelaguardia (780 – 800 metri slm), nei pressi del comune di Randazzo. Piccole quantità di Nerello Cappuccio e Alicante (Grenache) sono co-piantate in questi antichi vigneti come da tradizione, e fanno parte dell’uvaggio di campo. I terreni vulcanici sono basaltici di colore bruno scuro, friabili e sabbiosi nella Vigna Don Alfio; più pietrosi invece in contrada Montelaguardia.

Per saperne di più

Nel 2019 la vendemmia è avvenuta il 5/6 ottobre in contrada Montelaguardia e il 15 dello stesso mese in Vigna “Don Alfio”. Tutte le uve sono state diraspate a mano in due qvevris georgiane (vasi di argilla) che sono sepolti nella cantina sotterranea della tenuta. La fermentazione è stata condotta da lieviti indigeni. Al termine, le qvevris sono state sigillate e le uve sono state lasciate macerare per un lungo periodo di tempo; 6 settimane. Una volta pigiato e assemblato, il vino nuovo è rimasto sulle fecce fini in una qvevri prima di maturare per 6 mesi in una vecchia botte di legno. Il vino è stato imbottigliato a settembre 2020 senza chiarifica né filtrazione..